Acqua e sapone vs gel igienizzante in tempo di Coronavirus (ma non solo)

 L’attività di Atelier Nativa si è da sempre basata sul desiderio di fare del prodotto cosmetico l’incontro tra le esigenze dell’uomo e ciò che offre la natura. Proprio l’esigenza della nostra comunità in questo momento risulta assumere una priorità senza precedenti per il laboratorio.

Nonostante le difficoltà nel recuperare le materie prime, oltre ai nostri saponi che ben conscete, siamo ora in grado di fornire prodotti igienizzanti per mani e superfici.

Ne abbiamo fatto di due tipi:
-gel lavamani in formato tascabile da 100ml e in formato da postazione fissa da 500ml
-soluzione igienizzante spray da 200ml: adatta sia a mani che comoda per le superfici

Il nostro prodotto igienizzante a base alcolica presenta una concentrazione di alcol al 70% come da indicazioni OMS per i prodotti, in grado di essere efficace contro batteri, virus e funghi.

Ricorrere al nostro prodotto igienizzante è da considerarsi una buona soluzione nel caso in cui ci si trovi nell’impossibilità di lavarsi le mani. In particolare ricordiamo che:

-il prodotto va applicato su mani asciutte

-il prodotto non è adatto per rimuovere sostanze chimiche

-il prodotto non è indicato per la pulizia di mani sporche

La soluzione igienizzante spray oltre che all’utilizzo sulle mani si presta particolarmente, per la comodità di impiego, all’igienizzazione delle superfici e, solo in caso di reale emergenza e necessità, delle mascherine che di per sè sono dichiarate monouso. Un’applicazione omogenea del prodotto, senza bagnare troppo il dispositivo, permette la sanitizzazione di quest’ultimo. In tal merito è da chiarire che le procedure di sanitizzazione devono essere ancora validate e il documento che citiamo è attualmente una bozza. Lo potete trovare condiviso qui.

Ma qual è di questi tempi il modo più efficace di lavarsi le mani per evitare che siano veicolo di contagio da questo insidioso virus? Facciamo un piccolo ripassino che speriamo possa essere esaustivo

Piccolo promemoria per delle buone ed efficaci norme igieniche.

Le fonti sono OMS e CDC (Centers for Disease Control and Prevention)

  • lavarsi le mani con acqua e sapone é sempre una pratica sicura e di comprovata efficacia. Oltre ad eliminare patogeni e spore, elimina lo sporco (banale, ma da ricordare, specie se si esce dalle toilettes). Il virus influenzale di tipo A risulta disattivato entro 30 secondi, anche in caso di presenza di muco ancora bagnato.

QUINDI: quando possibile lavare SEMPRE le mani con acqua e sapone, specie se si è in luoghi dove è disponibile un lavabo.

Come ci si lava correttamente le mani (fonte OMS):

istruzioni per lavarsi le mani

 

  • in caso di mancanza di lavabi o fonti d’acqua si può ripiegare per soluzioni idroalcoliche con ALMENO il 60% di alcol. Attenzione: un virus influenzale di tipo A viene inattivato dopo circa 4 minuti di sfregamento.
    Il muco deve essere asciutto, altrimenti forma una barriera che protegge il virus.

QUINDI: se non è disponibile nell’immediato una postazione lavamani attrezzata con del sapone ci si asciuga bene le mani con un fazzoletto usa e getta e ci si strofina almeno con una soluzione idroalcolica almeno al 60% di alcol.

 

Riportiamo qui il testo originale.

 

“Washing hands with soap and water is the best way to reduce the number of microbes on them in most situations. If soap and water are not available, use an alcohol-based hand sanitizer that contains at least 60% alcohol.” [puoi ritrovare l’articolo completo qui ]

Sending
User Review
0 (0 votes)

Lascia un commento